1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale
  3. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Contenuto della pagina

Continua la battaglia di Bresso contro le vasche di laminazione.

Ieri, giovedý 14 settembre, presso il Dipartimento per il coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma si e' svolta la riunione istruttoria dopo l'opposizione del Comune al decreto regionale di conclusione/approvazione del progetto definitivo delle vasche di laminazione.

Durante l'incontro, per tutelare la salute e la pubblica incolumitÓ, si Ŕ svolto il tentativo di concertazione amministrativa, dopo la ferrea opposizione del Comune di Bresso avverso il decreto regionale sull'area di laminazione prevista dal Comune di Milano, che ha giÓ sortito l'effetto di bloccare l'efficacia degli atti assunti, bloccando di fatto l'avanzamento delle fasi realizzative dell'opera.

Sono state presentate, avanti il Consigliere ministeriale, le ragioni delle parti e si attende la pronuncia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che terrÓ in considerazione anche gli esiti, attesi a breve, dei ricorsi presentati avanti il Tribunale Superiore delle Acque dal Comune di Bresso e dal Supercondominio, che si oppongono al Progetto di sistemazione idraulica e laminazione delle piene del torrente Seveso, nel Comune di Milano.

La contrarietÓ dell'Amministrazione verso le vasche di laminazione continua.

Vi terremo informati degli esisti ufficiali.

Il Sindaco Ugo Vecchiarelli

Bresso, 15 settembre 2017

 

A BATTAGLIA CONTRO LE VASCHE DI LAMINAZIONE CONTINUA: DOMANI, 14 SETTEMBRE, A ROMA SI DISCUTE IL RICORSO

La battaglia di Bresso contro le vasche di Laminazione continua con iniziative volte a ribadire la sua profonda contrarietÓ al progetto.  

Un anno fa, nel luglio 2016, il Comune di Bresso ha promosso ricorso avanti il Tribunale Superiore delle Acque, per sospendere e poi annullare gli atti del Comune di Milano e della Regione Lombardia, che riguardano il Progetto di sistemazione idraulica e laminazione delle piene del torrente Seveso, nel Comune di Milano.
L'esito Ŕ ancora pendente.


Come anticipato durante l'Assemblea pubblica dell'11 luglio 2017, il comune di Bresso, accogliendo l'istanza del Maxicondominio di via Papa Giovanni XXIII, ha inoltre fatto ricorso al Governo contro il Progetto definitivo delle vasche di laminazione, per tutelare la salute e la pubblica incolumitÓ, come previsto dalla legge 241 del 1990   La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha convocato a Roma domani, giovedý 14 settembre 2017, il Sindaco e gli altri soggetti firmatari, tra i quali il Parco Nord, che Bresso ospita con orgoglio nel suo logo.
I dettagli sull'incontro saranno diffusi nei prossimi giorni. 

La contrarietÓ dell'Amministrazione verso le vasche di laminazione continua. 

Bresso, 13 settembre 2017