1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale
  3. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Contenuto della pagina

Come vota il cittadino italiano residente all'estero?

Il cittadino italiano residente all'estero può scegliere se:
- votare  all'estero, per corrispondenza
- tornare  a votare in Italia.

La decisione di votare in Italia deve essere comunicata per iscritto al Consolato o alla Rappresentanza Diplomatica entro il 31 dicembre dell'anno precedente la scadenza della legislatura o, in caso di scioglimento anticipato delle camere o di referendum, entro 10 giorni dall'indizione delle elezioni o del referendum.

La scelta non è definitiva e dovrà essere rinnovata a ogni elezione.

Elezioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica di domenica 4 marzo 2018.
Il diritto di opzione  degli elettori residenti all'estero deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all'indizione della elezione e cioè ENTRO IL PROSSIMO LUNEDI' 8 GENNAIO 2018, utilizzando preferibilmente l'apposito modulo predisposto dal Ministero degli Affari Esteri allegato in fondo alla pagina.

Tale modulo dovrà pervenire, debitamente compilato, all'Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore, per posta o mediante consegna a mano, entro il termine suddetto. Qualora l'opzione venga inviata per posta, l'elettore ha l'onere di accertare la ricezione, da parte dell'Ufficio consolare, entro il termine prescritto.

L'opzione può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

Le opzioni effettuate in occasione di precedenti consultazioni politiche o referendarie non hanno più effetto.