COMUNICATO STAMPA 

Mercoledý 4 Dicembre a Palazzo Isimbardi, si Ŕ svolto l'incontro tra la Provincia e tutti i Comuni  coinvolti  nel progetto  della Metrotranvia Milano-Bresso-Desio-Seregno, la cui realizzazione Ŕ messa in discussione dalla velata decisione, compresa nel comma 60 del maxi emendamento alla Legge di StabilitÓ.

Il progetto Metrotranvia Ŕ irrinunciabile per il territorio di Bresso. 

Quindici  chilometri di tratta, che collegano Milano a Desio, possono migliorare la mobilitÓ tra i vari comuni, riducendo il traffico e l'inquinamento atmosferico.
La metrotranvia Ŕ anche una grande occasione di riqualificazione urbana per  rimodernare  tutto l'asse della Via Vittorio Veneto, tutelando e valorizzando lo spazio pubblico. Nel progetto, come opera complementare, Ŕ stato inserito anche un nuovo parcheggio pubblico da 150 posti in via Madonnina. 

La mancata realizzazione della Metrotranvia Milano-Bresso-Desio-Seregno comporterebbe anche un danno economico per il comune , che si Ŕ esposto finanziariamente per coprire i costi della progettazione preliminare e definitiva, stanziando 900 mila euro come prima rata della quota di 2 milioni e 600 mila euro.
I primi interventi di carotaggio sono stati giÓ effettuati nella nostra via Vittorio Veneto.  

Il tavolo, che ha visto una coesione di tutte le rappresentanze, ha  quindi convenuto che Ŕ indispensabile richiedere la rettifica della Legge di StabilitÓ nelle parti relative alla revoca dei finanziamenti statali giÓ stanziati per la realizzazione della  Metrotranvia Milano-Bresso-Desio-Seregno. 

Staff del Sindaco  

 
Bresso, 6 dicembre 2013